Azienda Certificata BRC

Processo produttivo

  • Ti trovi in:
  • Home
  • Inchiostri per la stampa

Gli inchiostri convenzionali sono composti da pigmento disperso in un veicolo a sua volta costituito da:

  • oli minerali (assenti in sistemi mineral oil free, sostituiti da esteri vegetali)
  • oli vegetali (lino, soia, legno)
  • resine alchidiche funzionalizzate con oli vegetali (lino, soia, legno)
  • resine dure da colofonia


in aggiunta a ciò sono presenti additivi quali

  • prodotti cerosi
  • essiccanti (Sali a base di metalli come Cobalto, Manganese, Cerio ecc.)
  • antiessiccanti


La presenza di oli vegetali siccativi ed alchiliche permette la formazione, durante la fase di polimerizzazione ossidativa, di un film coerente e particolarmente resistente ma, d’altra parte, favorisce la formazione di sottoprodotti estremamente volatili ed odorosi che possono alterare gli alimenti.

Gli inchiostri a bassa migrazione sono invece formulati con un veicolo non contenente oli siccativi ed alchiliche ma solo esteri vegetali a bassa migrazione e senza la presenza di essiccanti. In questo modo non si ha la polimerizzazione ossidativa e lo sviluppo di sostanze che possono potenzialmente migrare nell’alimento, ovviamente ciò rende l’inchiostro poco resistente dal punto di vista meccanico.

sfondo-scopri-i-nostri-prodotti

 

La normativa

 

La normativa vigente sui materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti, come da Regolamenti (CE) 1935/2004 e 2023/2006,afferma che sia lo stampatore e il converter hanno il dovere di assicurare che l'articolo finito sia idoneo per lo scopo per il quale è stato progettato (in questo caso, imballaggio alimentare).

Gli inchiostri da stampa e le vernici sono solamente materiali intermedi utilizzati nella fabbricazione dell'imballaggio alimentare finale. I requisiti di base sono che, come parte dell'imballaggio finito, l'inchiostro stampato o la vernice applicata devono essere sufficientemente inerti da precludere il trasferimento di sostanze all'alimento in quantità tali da mettere in pericolo la salute umana o da apportare un cambiamento inaccettabile nella composizione dell'alimento o un deterioramento delle sue caratteristiche organolettiche.

I nostri inchiostri sono conformi all’ultima edizione della Lista di Esclusione di EuPIA (associazione europea dei produttori di inchiostri)  che assicura il non utilizzo di certe classi di sostanze perché eccessivamente pericolose.

In aggiunta, per i prodotti destinati all'imballaggio alimentare, Il nostro fornitore, utilizza preferibilmente materie prime composte da sostanze senza limitazioni/restrizioni o che presentano limiti di migrazione specifica (SML) elevati, come da Regolamento Materie Plastiche (UE) 10/2011 e/o da Ordinanza Svizzera sui Materiali e Oggetti a contatto con gli Alimenti (RS 817.023.21, Allegato 6), rispetto a quelle con limiti più bassi (e stringenti).

Gli inchiostri a bassa migrazione, la cui composizione è stata attentamente progettata e valutata per l'applicazione nell'imballaggio alimentare, soddisfano tali requisiti e permettono, già in partenza, che l'articolo finito superi pienamente le prove di conformità applicabili e che quindi l'imballaggio fabbricato sia idoneo all'impiego come imballaggio primario

Nel caso d'inchiostri standard, il profilo di rischio diventa più elevato ed è necessario da parte dello stampatore/converter effettuare una più approfondita e completa valutazione del rischio per verificare che i requisiti applicabili all'articolo finito siano soddisfatti.

.